A quasi dodici anni dall’assassinio di Anna Politkovskaja, la giornalista russa autrice di numerose inchieste sulla violazione dei diritti umani in Cecenia e diversi altri reportage non graditi a Vladimir Putin, arriva il primo richiamo ufficiale a Mosca. Lo Stato russo viene chiamato direttamente in causa dalla Corte europea dei diritti umani che lo condanna […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Trump&Putin, più che Helsinki sembra il raid di Pearl Harbour

prev
Articolo Successivo

L’estate infuocata di Airbnb: le accuse sul business fantasma

next