Matteo Salvini torna da Innsbruck con l’accordo a parole di quelli che erano già d’accordo con lui: l’asse dei ministri dell’Interno “volenterosi” di Germania, Austria e Italia, che si vedono prima dell’inizio della riunione informale dei ministri dell’Interno dei 28 Paesi Ue. Tutto bene, quando si tratta d’enunciare e condividere l’elementare programma “riduzione delle partenze, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Le trame misteriali nelle carte trapanesi dell’inchiesta Iuventa

prev
Articolo Successivo

Decreto Dignità, niente stretta sui contratti degli stagionali

next