L’incontro di ieri tra Luigi Di Maio e Arcelor Mittal, acquirente dell’Ilva, non ha permesso passi in avanti. Il colosso dell’acciaio ha portato nuove proposte però ritenute, dal ministro dello Sviluppo economico, “poco entusiasmanti” per quanto riguarda la questione ambientale e per nulla soddisfacenti sul versante occupazionale, visto che vengono confermati i 4 mila esuberi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cdp, l’ultima trincea di Tria e salta l’intesa tra M5S e Lega

prev
Articolo Successivo

“Giù le mani dalla mia scorta”. Viaggio tra i vip sotto protezione

next