Il Mossad ha annunciato di aver recuperato (comprato e portato in patria) l’orologio da polso di Elie Cohen, l’agente israeliano catturato e impiccato a Damasco nel 1965. Cohen – considerato una delle più grandi spie israeliane – che aveva assunto la copertura di uomo d’affari, riuscì a salire rapidamente nelle gerarchie siriane fino a diventare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il pallone, il caso e l’arte di Archimede

prev
Articolo Successivo

‘Ndrine e bagarini, il procuratore: “Rapporto che dura da almeno 10 anni”

next