Il magistrato Rocco Chinnici, il capo del pool antimafia degli anni ’80, sul banco degli imputati per ‘’eccesso di legalità’’. Falcone, Borsellino e Dalla Chiesa testi a sua difesa. E alla fine sentenza a sorpresa, che ribaltando grotteschi luoghi comuni ancora sedimentati nel corpaccione della società siciliana, ricolloca al posto giusto i giudici veri e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il Caravaggio di Cosa nostra “è integro e si trova in Sicilia”

prev
Articolo Successivo

Spiava operai e sindacalisti per la Fiat. L’addio a 99 anni

next