La certezza, al ministero dell’Istruzione, è che sul tema delle diplomate magistrali rimaste senza cattedra bisogna andarci molto cauti perché la decisione riguarda non solo loro ma anche centinaia di migliaia di controinteressati, dai laureati in scienze della formazione ai vincitori di concorso, che potrebbero trovarsi improvvisamente scavalcati nelle graduatorie o comunque destinatari di una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Alzati e uccidi per primo”. Tutto il sangue del Mossad

prev
Articolo Successivo

Meno spostamenti e più cattedre, i piani a confronto in Parlamento

next