La candidatura di Flavio Valeri al vertice della Cassa Depositi e Prestiti è un caso esemplare dei rischi che corre il “governo del cambiamento” sulla scottante materia delle nomine pubbliche. L’amministratore delegato della filiale italiana di Deutsche Bank è considerato in pole position, e i suoi sponsor fanno circolare la notizia che si è già […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Debito “cancellato” in bilancio, Appendino rischia il processo

prev
Articolo Successivo

La necessità di convivere coi mercati

next