“Soumayla Sacko era un cittadino, un bracciante e un lavoratore impegnato nella lotta contro la schiavitù. Non era un ladro ma viveva in quella gabbia”. Il sindacalista dell’Usb Abobakar Soumaoro la chiama così la baraccopoli di San Ferdinando. Viveva in quel ghetto il maliano di 30 anni ucciso due giorni fa mentre si trovava in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Napoli: si dimette Menna, consigliera vicina a Fico

prev
Articolo Successivo

fatto a mano interna

next