Secondo la Cgil sono ormai quasi mezzo milione. Per lo più stranieri, lavorano sotto caporalato in un’ottantina di distretti agricoli da Nord a Sud, spesso trasferendosi da una regione all’altra seguendo il ritmo delle stagioni. Tra poco ci saranno pomodori, meloni e angurie, poi l’uva, le olive, le arance e gli agrumi. La paga è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Balotelli: “Il razzismo fa male, il Paese si svegli”

prev
Articolo Successivo

Comunali, a Sacrofano si rivota e c’è il sindaco che serviva a Carminati

next