I tricolori e l’inno di Mameli, i palloncini e gli striscioni. Ma tra le labbra dei militanti c’è ancora rancore verso l’uomo del Colle, Sergio Mattarella. In piazza della Bocca della verità, angolo di Roma circondato da inaudita bellezza, i Cinque Stelle festeggiano la loro vittoria, nel 2 giugno che doveva segnare la frattura con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il M5S contro Fontana: prima grana gialloverde

prev
Articolo Successivo

Il solito Salvini (ma adesso è al governo)

next