I nuovi scavi di Pompei hanno restituito un’altra vittima, un 35enne che, forse a causa della sua zoppia, non riuscì a fuggire. Lo scrittore Angelo Petrella ha immaginato la sua storia. Lo sapevo che ci avrebbero messo più di millenovecento anni a trovarmi. O, meglio, a trovare il corpo, visto che la testa mi è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“A mia figlia faccio capire le ragioni degli uomini”

prev
Articolo Successivo

“Ci hanno rubato parole importanti Le recuperiamo con la musica”

next