È stato un altro giorno di guerra nella Striscia di Gaza e nelle zone israeliane che la circondano. Gli abitanti delle aree agricole ma anche delle cittadine come Sderot, Ashdod, Ofakim, sono stati svegliati dalle sirene di allarme pochi attimi prima che, i mortai sparati da Gaza, venissero intercettati dalla batteria “Iron Dome”. Ed è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Allah Akbar” Il killer di Liegi uccide tre volte per strada

prev
Articolo Successivo

L’ultima censura: “Niente Mondiali in tv per i prigionieri palestinesi”

next