Poteri sforzati. Mentre Salvini e Di Maio iniziavano le trattative per il governo del superpopulismo, l’establishment si è ritrovato alla Camera per quella boiata pazzesca del premio Carli: non serve a nulla se non a mettere insieme nostalgici del Nazareno e boiardi di Stato guidati dal berlusconiano Gianni Letta

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il tecnico sul tetto che scotta

prev
Articolo Successivo

L’inutile ipotesi del voto estivo: non sarebbe cambiato nulla

next