La “repressione” dopo Moro e la “prevenzione” tedesca

Di Laura Di Fabio
14 Maggio 2018

Durante i cinquantacinque giorni del sequestro Moro, il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa venne posto alla guida di un nuovo reparto antiterrorismo. L’apparato fu diviso in una decina di sezioni speciali “in grado di agire senza limiti e vincoli territoriali”. (…) Dal 10 al 16 maggio 1978 sull’onda emotiva dell’assassinio di Moro, la Camera discusse […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.