A Montecitorio aveva appena riaperto, gli onorevoli stavano entrando alla spicciolata. Si presentò alla porta un ometto coi baffi, e una grande borsa. -Cosa vuole? – disse il commesso -Io …-disse timidamente l’ometto – sono il tecnico. Mi ha chiamato il presidente Mattarella. Trenta secondi dopo la notizia aveva già percorso le sale come una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Meloni contro Mattarella: “Non ha dato incarico alle personalità non gradite”

prev
Articolo Successivo

L’inciucio è morto e la Casta celebra il proprio funerale

next