Davanti a scuola mia, c’è un bel giardino con tre panchine, dove non si siede mai nessuno. Anzi no, qualcuno che si siede c’è: è Carlo l’esibizionista. A scuola lo conosciamo tutti, ha un impermeabile beige tipo il tenente Kojak, un cappellino da pescatore e lo sguardo fisso sull’uscita di scuola. Non fa male a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il “contractus” è anti-politica made in Arcore

prev
Articolo Successivo

testatina

next