Pochi giorni fa si è celebrato il funerale di Pamela Mastropietro. Sono stati seppelliti i suoi resti, ma i titoli a effetto sullo scempio che si è fatto del suo corpo continuano a campeggiare. “Massacrata”, “Fatta a pezzi”, “Smembrata”, “Mutilata” da orchi, mostri, macellai, nigeriani. Poi c’è la storia del 25enne napoletano Vincenzo Ruggiero, che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Autobus vecchi e debiti. A Roma l’Atac va in fumo

prev
Articolo Successivo

Guido Caprino, protagonista de ‘Il miracolo’: “Vi prego, non ditemi che sono un sex symbol”

next