Gli 11 minuti che spostano le lancette degli ultimi battiti di libertà di Giulio Regeni al Cairo. Si è sempre sostenuto che fossero le 19 e 41 del 25 gennaio 2016 quando Regeni e il suo cellulare escono dai radar dell’inchiesta sul suo rapimento, sulle torture subìte e sull’assassinio. In realtà il tempo si allunga […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Trump: “Iran bugiardo” stop all’intesa atomica

prev
Articolo Successivo

Il grande accusatore di Weinstein si dimette dopo le denunce di 4 donne

next