Le prove-chiave per stabilire se c’è stato un attacco chimico su Douma il 7 aprile e chi sono i responsabili, potrebbero arrivare dall’analisi dei corpi delle vittime del raid. Gli esperti dell’Opac, l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche con sede all’Aia, hanno concluso la loro attività di raccolta di tracce e indizi per stabilire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Nella “Londra di sotto” dove si uccide per vincere

prev
Articolo Successivo

Inflazione e delusione l’Argentina ha paura di un nuovo crac

next