A un mese dall’autobomba di Limbadi (Vibo Valentia) che ha ucciso Matteo Vinci, l’avvocato Giuseppe De Pace rilancia il suo appello per assegnare la scorta alla madre della vittima, la signora Rosaria Scarpulla. L’aver puntato il dito contro una parente della cosca Mancuso, infatti, secondo il legale della famiglia Vinci, ha esposto la donna a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese