E adesso sulla scrivania di Sergio Mattarella, nello Studio alla Vetrata al Quirinale, comincia a intravedersi l’arma dello scioglimento anticipato. Intendiamoci, la linea del capo dello Stato è sempre quella di scongiurare il voto, da qui all’autunno, ma dopo il fallimento totale del secondo giro di consultazioni il realismo del Colle volge decisamente al pessimismo. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

Di Maio punta ancora sul “verde”, ma Dibba lo mette in difficoltà

next