Tutti vogliono le Olimpiadi. Mentre il mondo le evita come la peste, tra referendum falliti e progetti abortiti negli ultimi anni, e il grande capo dello sport Thomas Bach in giro ad elemosinare candidature, per l’edizione invernale del 2026 l’Italia ne sforna addirittura tre: Milano e Torino in un tandem precario di cui ne resterà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Lula in cella di “buon umore”, fuori è il caos

prev
Articolo Successivo

“Mi-To”, la ciclica sinergia rimasta sempre una chimera

next