Il candidato premier che gioca di convergenze parallele sprizza ottimismo con i suoi. Perché dopo i 45 minuti con Sergio Mattarella si sente un po’ più vicino alla meta. Ma la chiave del rebus che vale Palazzo Chigi sta in sei parole: “Non abbiamo posto veti a nessuno”. E in quel “nessuno” scandito ieri pomeriggio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Rinnovati i vertici Saipem: Cao resta Ad, presidente Caio (non all’unanimità)

prev
Articolo Successivo

Sardone e marito, l’ultimo guaio di Arcore

next