Almeno 350 imprenditori dell’Aquilano dovranno restituire entro 30 giorni 75 milioni di euro perché avrebbero goduto di aiuti di stato illegali dopo il terremoto del 2009. Li chiede la Commissione europea, o meglio il commissario straordinario incaricato dalla presidenza del Consiglio, Margherita Maria Calabrò (direttore regionale dell’Agenzia delle entrate in Abruzzo). Le cartelle sono iniziate […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Claudio Amendola, Salvini e l’insopportabile spocchia ‘de sinistra’

prev
Articolo Successivo

Ancora grattacieli e cemento, il nuovo sacco di Milano

next