Pier Ferdinando Casini in questi ultimi giorni è stato attivissimo. Aveva un obiettivo: la vice presidenza del Senato, in quota Pd. Forte dei rapporti impostati come presidente della Commissione d’inchiesta sulle banche: un posto dal quale avrebbe dovuto garantire Matteo Renzi. Non c’è riuscito, ma prova ugualmente a riscuotere crediti. Però la strada al momento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Forza Italia spappolata: i filo-leghisti tramano e le donne comandano

prev
Articolo Successivo

Friuli Venezia Giulia, lo scrittore antifascista Pahor a 104 anni si candida alle regionali

next