Avevano riaperto la loro azienda un anno fa, dopo che la camorra, nel 2015, aveva dato fuoco allo stabilimento. Oggi Antonio Picascia e Franco Beneduce, proprietari della fabbrica di detersivi Cleprin, devono lottare contro la burocrazia per tenere in vita la loro ditta. Il Comune di Carinola (Caserta), dove si trova lo stabilimento, ha infatti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Viterbo, inneggiava agli attentatori sui social network e aveva un arsenale in casa: arrestato dopo allerta Fbi

prev
Articolo Successivo

Verbali falsi, botte e contanti spariti: arrestati quattro vigili

next