C’è una figura che si aggira silenziosa in Italia da decenni. È il povero, dimenticato da tutti i governi. Un povero che cambia volto, e se ieri era l’uomo di mezza età all’osteria oggi è una persona, giovane o donna, che lavora tutto il giorno eppure non ce la fa a vivere. Se un movimento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Governo transitorio 5Stelle-Lega: forse è il male minore

prev
Articolo Successivo

Reddito. C’è un Mezzogiorno benestante e non ignorante che ha votato per il M5S

next