Si annusano e si lanciano segnali, da pokeristi un po’ così. E intanto già sperano di sottrarsi eletti, nella terra di mezzo dei parlamentari incerti. Con il vincitore, Luigi Di Maio, che è pronto a prendersi il sostegno anche di una parte di Forza Italia, “almeno quella non compromessa” come teorizza un ufficiale di peso. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cemento, sprechi e poteri: ecco i dossier che dividono le vie di Raggi e Appendino

prev
Articolo Successivo

Le Alleanze e l’ipocrisia al potere

next