Tre mesi fa, nemmeno esistevano: essere sulla scheda elettorale, per loro, è già un grande risultato. “Non abbiamo avuto bisogno dell’aiutino di Tabacci”, rivendicano quelli di Potere al Popolo, ricordando i giorni in cui Emma Bonino sosteneva fosse impossibile raccogliere le firme necessarie per presentare la lista. Loro ce l’hanno fatta “dal basso” con un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Altalena 5 Stelle: ok i ministri a rate, autogol sui collegi

prev
Articolo Successivo

Macho-Salvini contro Elsa e lo sfottò di papà Pascale

next