Paolo Fresu, Bebo Ferra, Paolino Dalla Porta e Stefano Bagnoli – il “Devil Quartet” – sorprendono ancora proponendo il gruppo sostanzialmente più “elettrico” del jazz italiano in versione completamente acustica. Ribaltando canoni e punto di vista con Carpe Diem, la “buona invenzione dell’Italian Style” – come li definì Vittorio Franchini anni fa – trova nelle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Suoniamo per non doverci turare il naso”

prev
Articolo Successivo

The Fratellis: Daltrey ci aveva visto molto lungo

next