La sintesi, seppure con i toni felpati che si devono all’istituzione, è eloquente: la situazione italiana non permette più ulteriori tagli alla spesa pubblica senza che lo Stato debba rinunciare a determinate prestazioni sociali. È l’aspetto più emblematico dell’ultimo rapporto pubblicato ieri dell’Ufficio parlamentare di bilancio, una sorta di authority dei conti pubblici introdotta con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

Informazioni sanitarie in pasto a Ibm: la Regione vuole l’ok prima del 4 marzo

next