“Vota la squadra, scegli il Pd”. La scritta si staglia su uno sfondo popolato da sagome di persone colorate. Nessun nome, nessun volto riconoscibile. Solo il logo del partito. Ma nel giorno in cui Matteo Renzi presenta i candidati democratici al Teatro Eliseo di Roma, all’insegna di questo slogan, non risparmia frecciatine e allusioni né […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

cattiveria 0602

prev
Articolo Successivo

La differenza tra Sylos Labini e Madia

next