La Francia salvata dagli immigrati. Almeno al cinema. Non è un paradosso né un pio desiderio. È una constatazione, semplificata in forma di slogan, che emerge scrutando l’insieme del cinema francese, come consentono di fare ogni inverno i “Rendez-vous” di Unifrance. Quattro giorni di full immersion fra titoli e protagonisti del sistema-cinema più sano d’Europa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il “buono” e il “cattivo” divisi in casa Kennedy

prev
Articolo Successivo

Molestie a scuola. Poter salvare una compagna vale il rischio di deluderla

next