Il muro di cinta del complesso carcerario di Tora, alla periferia sud del Cairo, è punteggiato di torrette da dove spuntano fucili di precisione. I nuclei detentivi sono protetti da almeno tre file di barriere. Fuori è un brulicare di poliziotti, soldati e guardie. Occupano tutti i tavolini dei due bar proprio davanti all’ingresso, sorseggiano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Trump, Abu Mazen e il ricatto sui rifugiati

prev
Articolo Successivo

Il “ramoscello d’ulivo” turco in testa ai curdi

next