C’è una fame spaventosa di formazione in questo Paese. Ne sono affamati i giovani che finiscono la scuola e che ormai sanno che da contratti usa e getta e stipendi ridicoli li salverà solo un titolo di studio forte. Ma ne sono affamate pure quelle generazioni di trentenni, quarantenni e persino cinquantenni che non riescono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Rai, altro che canone serve un disarmo

prev
Articolo Successivo

Gianluca Vichi: ginocchiata sì, ma democratica

next