Il presidente del Consiglio di Stato Alessandro Pajno ha scritto, inascoltato, al governo affinché si facesse promotore di una riforma del sistema disciplinare – pachidermico – della giustizia amministrativa che fa sì, per esempio, che per il consigliere Francesco Bellomo non sia stato emesso alcun provvedimento cautelare, come per il pm Davide Nalin, a causa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Fiat, la storia incredibile dei 5 operai pagati per stare a casa

prev
Articolo Successivo

“Attendo il giudizio. Ma i miei genitori sono morti dentro”

next