Una sessantina di dalemiani, 35/40 renziani e una quindicina di ex popolari. Più qualche cane sciolto. Alla mappa dei 101 franchi tiratori che il 19 aprile 2013 fecero mancare i loro voti all’elezione al Quirinale di Romano Prodi si aggiungono nuove impronte digitali. Quelle di Matteo Renzi. Non che l’attuale segretario del Pd non fosse […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

B. e le donne: “Noi siamo i più sensibili alla parità di genere”

prev
Articolo Successivo

“Vacci-nazione” – Ecco un estratto del libro di Giulia Innocenzi. “Walter Ricciardi prima lavora con le aziende, poi scrive la legge”

next