Un’impressionante sequela di bocciature, 64 pagine che prefigurano un futuro cupo in una mare di sofferenze. Il 14 dicembre 2006 Bankitalia concluse con toni severi l’ispezione sulla Banca Antonveneta. Meno di un anno dopo consentì al presidente del Monte dei Paschi di Siena Giuseppe Mussari di rilevarla a un prezzo stratosferico dal Santander di Emilio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Pensioni, dal governo le briciole

prev
Articolo Successivo

Milano, ecco il progetto per il post-Expo: polo tech, verde e università in gestione agli australiani

next