Se Atene piange Sparta non ride. Così si può definire la situazione della Rai tra tv e radio. Perché se Viale Mazzini perde telespettatori sul piccolo schermo, con il calo dei programmi-traino spesso sconfitti dai diretti competitor, non va bene nemmeno la radio del direttore artistico universale Carlo Conti. Lì si registra un pesante calo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Radio Deejay e gli impianti abusivi nascosti tra le pareti

prev
Articolo Successivo

Altro che Ius soli: 265 mila già in fila per la cittadinanza

next