Non l’abbiamo mai confessato, ma noi nutriamo una segreta passionaccia per Orfini, il Matteo minore del Pd. E non da oggi. Ci piacque subito quando fondò con Andrea Orlando e altri ex dalemiani la corrente dei “Giovani Turchi” non essendosi mai mosso da Roma-Prati. Ma anche da quando, appena entrato in Parlamento nel 2013, giurò: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

La testatina

next