La Commissione europea vuole sapere che cosa stanno combinando il governo italiano e la Regione Lombardia con Ibm a proposito dei dati sanitari personali dei cittadini italiani promessi alla multinazionale Usa. A intervenire è, da Bruxelles, la Direzione generale Concorrenza della Commissione, che ha il compito di far applicare le regole della Ue “assicurando una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Otto anni dopo non è cambiato nulla a Giampilieri e Scaletta Zanclea

prev
Articolo Successivo

“Watson” all’italiana, le tappe

next