Meravigliosa ma annegata nel degrado. Non un bene privato, ma patrimonio della collettività per il suo valore storico. Su villa Massoni costruita nel ‘600 alle pendici del colle di Volpigliano in provincia di Massa Carrara per volere del principe Carlo I Malaspina e poi, nell’800, acquistata dai Massoni, ora, dopo un processo appena iniziato, si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Decreto fiscale, i partiti contro l’uscita a 67 anni. Ecco le richieste

prev
Articolo Successivo

Centro Olio Eni, ai pm la lettera dell’ex direttore suicida: “L’Eni sa dei veleni dal 2012”

next