Proprio quando la Realpolitik all’italiana pareva ormai riuscita a ovattare l’assassinio di Giulio Regeni, così da attutirne lo scandalo e il clamore, ecco una serie di avvenimenti proporre un dubbio: era davvero necessario e conveniente normalizzare i rapporti con l’Egitto? A quanto pare abbiamo sopravvalutato il feldmaresciallo Al-Sisi e il suo vassallo libico, il generale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sayfullo jihadista bianco e i nuovi nidi del terrore

prev
Articolo Successivo

M5s, il goffo caso dei signor nessuno

next