Nuove generazioni - Iran in transizione

Leila, Roja e Shabane da Teheran al futuro

Di Francesca Bellino
1 Novembre 2017

Chiedere un visto a un’ambasciata europea per gli iraniani è “una sofferenza”. Un procedimento lungo e umiliante con cui si scontrano molti giovani di Teheran della classe media, istruiti e volenterosi, che sognano di partire. Anche le donne, tutt’altro che sottomesse, desiderano studiare e realizzare progetti all’estero ma spesso devono rinunciarvi, come capita a una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui