Chissà come risponderebbero oggi i 105 funzionari del ministero dei Beni culturali alla domanda che si poneva Eugéne Ionesco nel suo teatro dell’assurdo: “La rassegnazione è saggezza?”. Partiamo dalla fine di questa storia. Centocinque funzionari del Mibact si sono visti dimezzare il loro stipendio grazie al colpo di genio del loro Direttore al Bilancio, Paolo D’Angeli. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vigili e Cosa nostra: la giunta Sala non muove un dito

prev
Articolo Successivo

Regola per chi delinque

next