Si sbaglia. Capita. E quando si sbaglia si deve correggere. Il tema qui è però “come” si corregge: in Parlamento la forma è spesso sostanza. La scelta della presidenza della Camera di “sanare” una contraddizione interna alla legge elettorale appena approvata trattandola da mero “errore formale” è politica più che tecnica, come d’altronde potrebbe dirsi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Rosatellum, il giurista Pellegrino: “Voti uno e eleggi un altro. Siamo all’apoteosi dei nominati”

next