L’espressione “golpe al ralenti” è stata coniata da Franco Cordero negli anni d’oro di Berlusconi: la prendiamo a prestito per raccontare l’incredibile storia della legislatura che sta per concludersi, una notte della Repubblica lunga cinque anni in cui il Parlamento è stato umiliato e ridotto a maggiordomo di governi fin troppo disinvolti. L’alba è la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La presidente della Camera si giustifica citando i precedenti: ecco perché sbaglia

prev
Articolo Successivo

Gabrielli riprende Contrada e la Polizia paga gli arretrati

next