Filippo Vignato del trombone tenore ne ha fatto la propria voce, approfondendone linguaggio e potenzialità ne ha riscoperto l’anima jazz. Miglior Talento al Top Jazz 2016 arriva al suo secondo album come compositore e bandleader – Plastic Bread (Auand) è del 2016 – alla guida di un quartetto acustico con la voglia di riappropriarsi di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Come dormi se il sogno americano è finito?

prev
Articolo Successivo

La Chikungunya colpisce Rai3: resta solo l’uomo della strada

next