Tireranno dritto, con buona pace di regole e tribunali. Perché l’autogol in Sicilia è imparabile e un accordo impossibile. E perché di mezzo c’è l’esponente di un gruppo “nemico” del candidato governatore Giancarlo Cancelleri e quindi dei vertici. Dopo l’ordinanza del tribunale civile di Palermo che martedì ha congelato le “regionarie” del M5S, accogliendo in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La candidatura fallisce e la Corte condanna le spese pazze a Bolzano

prev
Articolo Successivo

Caos rifiuti: “Il conto a Orlando e Crocetta”

next