Le rovine, da sempre, parlano solo a chi le sa ascoltare. Quando nel 1740 il giovane veneziano Giovanni Battista Piranesi (1720-1778) giunge per la prima volta a Roma – in qualità di disegnatore nella spedizione diplomatica del nuovo ambasciatore veneziano Francesco Venier – ha una folgorazione. Ammiratore di Palladio nell’architettura e lettore appassionato di Tito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Wolf-Man, il metafumetto di Kirkman: l’ultima possibilità di essere originali è usare i clichè

prev
Articolo Successivo

Amato e il furto dai conti correnti ovvero è del poeta il fin la meraviglia

next